Archivio attività

Eventi del 2019

Gianfranco Bettin presenta il libro Crakink
Domenica 23 giugno ore 21 spettacolo del coro femminile SonArte diretto da Sonia Mireya Pico
Sabato 15 giugno ore 18 - narrazione e laboratorio per bambini e bambine
Roberto Maccaroni presenta il libro Prometto che ritorno
Angelo Andreotti presenta il libro L'Attenzione
Domenica 30 giugno 2019 dalle ore 10 alle 12 - Laboratorio aperto a tutte le età a cura di Miriam Cariani
lettura in sette puntate di “Le tigri di Mompracem” di Emilio Salgari
Giulio Cavalli presenta il libro "Carnaio"
Biblioteca Popolare Giardino - attività per bambini/ e ragazzi/e nei mesi di luglio e agosto 2019
Wu Ming 1 presenta La macchina del vento
Mirko Orlando presenta il volume Paradiso Italia
Adriàn N. Bravi presenta il suo romanzo L'idioma di Casilda Moreira
la scienza che unisce tutte le numerologie - martedì 15 ottobre 2019
laboratorio partecipato per dialogare sui temi
27 novembre , 4 e 11 dicembre 2019- dalle 18 alle 20.00
Programma di fine 2019 della Biblioteca Popolare Giardino
Il 19 novembre festeggiamo insieme i primi 6 mesi di attività della Biblioteca Popolare Giardino.
presso la Biblioteca Popolare Giardino di viale Cavour 183 - piano terra del grattacielo a Ferrara
di e con Girolamo De Michele

Martedì 18 giugno ore 21  presentazione del libro CRACKING di Gianfranco Bettin - modera il giornalista Riccardo Bottazzo

Dialogano con l'autore
Fausto Chiarioni segretario provinciale Filctem-Cgil Ferrara
Luca Fiorini RSU Lyondell-Basell

Gianfranco Bettin
Ricercatore, saggista e scrittore. Attivista politico e ambientalista.


Cracking
Il Petrolchimico di Porto Marghera al centro del nuovo romanzo di Gianfranco Bettin, “Cracking”, che dipana una lunga storia di lotte sociali e personali attraverso il protagonista, Celeste Vanni.
“Celeste Vanni ha lavorato per una vita, quasi una vita, al Petrolchimico di Porto Marghera. Cosa può fare un uomo solo? Mentre l’alba si avvicina, lungo la parabola della notte, torna la vita vissuta, tornano le promesse fatte, e, tornito nel buio, prende forma un gesto di rivolta.”