Archivio attività

Eventi del 2019

Gianfranco Bettin presenta il libro Crakink
Domenica 23 giugno ore 21 spettacolo del coro femminile SonArte diretto da Sonia Mireya Pico
Sabato 15 giugno ore 18 - narrazione e laboratorio per bambini e bambine
Roberto Maccaroni presenta il libro Prometto che ritorno
Angelo Andreotti presenta il libro L'Attenzione
Domenica 30 giugno 2019 dalle ore 10 alle 12 - Laboratorio aperto a tutte le età a cura di Miriam Cariani
lettura in sette puntate di “Le tigri di Mompracem” di Emilio Salgari
Giulio Cavalli presenta il libro "Carnaio"
Biblioteca Popolare Giardino - attività per bambini/ e ragazzi/e nei mesi di luglio e agosto 2019
Wu Ming 1 presenta La macchina del vento
Mirko Orlando presenta il volume Paradiso Italia
Adriàn N. Bravi presenta il suo romanzo L'idioma di Casilda Moreira
la scienza che unisce tutte le numerologie - martedì 15 ottobre 2019
laboratorio partecipato per dialogare sui temi
27 novembre , 4 e 11 dicembre 2019- dalle 18 alle 20.00
Programma di fine 2019 della Biblioteca Popolare Giardino
Il 19 novembre festeggiamo insieme i primi 6 mesi di attività della Biblioteca Popolare Giardino.
presso la Biblioteca Popolare Giardino di viale Cavour 183 - piano terra del grattacielo a Ferrara
di e con Girolamo De Michele

venerdì 10 maggio alle 20.30 presentazione del libro "Carnaio" di Giulio Cavalli
Dialogherà con l’autore Arianna Chendi.



«Giovanni Ventimiglia è un pescatore, da tutta la vita raccoglie nelle sue reti acciughe e granchi anche se negli ultimi anni il mare è diventato avaro e sulla sua piccola nave non ha più un equipaggio.
Un giorno di marzo attraccando al pontile trova un cadavere, un uomo che in ammollo dev’essere stato per giorni, un ragazzo non di quelle parti, forse dell’Est o del Sud. Un uomo di colore.Da quel giorno la sua vita e quella tutto il suo paese di non sarà più la stessa.
Con uno sguardo che ricorda Saramago e Bolaño, “Carnaio” di Giulio Cavalli è un incubo di carne e soldi, la profezia di un mondo prossimo, in cui l’ultimo passo verso l’abisso è già alle nostre spalle.»